mercoledì 27 giugno 2012

Natura in città

Siamo tornati!!!
Le vacanze estive sono un album da colorare con progetti ed idee. L'anno scorso eravamo bloccati in città, il fresco dei boschi ci sembrava un miraggio lontano! Passeggiando per un minuscolo giardino cittadino ho realizzato che anche un prato poteva essere interessante e così abbiamo raccolto ed essiccato tanti fiori e foglie, li abbiamo attaccati con lo scotch ed identificati. Un modo per allenare le nostre nozioni di botanica e per mia figlia di muovere i primi passi nel mondo della scrittura prima del grande salto nella scuola primaria.
Sofia (6 anni) foto by archigeaLab.blogspot

mercoledì 13 giugno 2012

Il quaderno delle vacanze

La scuola per la nostra Sofia è finita! Mamme e Papà alle prese con il problema delle vacanze: nonni o campi estivi. Se i nonni non sono disponibili full time ed i campi estivi sono una opzione condizionata dal budget famigliare bisogna inventarsi qualcosa perchè il periodo estivo sia per i bambini un momento sereno e divertente. L'anno scorso ci siamo inventate il quaderno dellle vacanze fai-da-te.

Sofia (6 anni) foto by archigeaLab.blogspot
Materiale occorrente:

Disegni
Stampe
Ritagli 
forbici con la punta arrotondata
pennarelli
colla

Alla scuola dell'infanzia i bambini fanno moltissimi disegni, mia figlia alla fine dell'anno ne aveva riempito una scatola enorme. Mi dispiaceva buttarli.Che farne però? Ho selezionato i più belli  e lavorando con forbici&colla ho realizzato dei giochi logici.

Cominciamo con il gioco degli insiemi... 

Sofia (6 anni) foto by archigeaLab.blogspot


Sofia adora la natura ma è nata in città, il suo cruccio più grande è non potere tenere un cucciolo in casa.
Nel mondo della fantasia tutto è possibile però...si può disegnare un ecosistema!

Sofia (6 anni) foto by archigeaLab.blogspot
Il mondo dei numeri è sempre fonte di ispirazione: il gioco delle coppie ed insiemi complessi.

Sofia (6 anni) foto by archigeaLab.blogspot
Sofia (6 anni) foto by archigeaLab.blogspot

Un classico: il puzzle fai-da-te. Basta un disegno o una stampa da ritagliare ( n.d.r. il numero dei pezzi è in relazione all'età del bambino ) per un buon risultato finale. Per aumentare il livello di difficoltà usate il timer, il più veloce vince un gelato!

Sofia (6 anni) foto by archigeaLab.blogspot

L'estate per me significava "Settimana enigmistica" sotto l'ombrellone mentre aspettavo  l'ora del bagno pomeridiano, non meno di tre ore dopo pranzo! Uno dei miei giochi preferiti era un evergreen: trova l'intruso.

Sofia (6 anni) foto by archigeaLab.blogspot

Osservare le cose da punti diversi è un approccio utile nella vita di tutti i giorni. A volte basta rimescolare gli ingredienti di un problema per trovare soluzioni nuove. Stampate i disegni di alcune maschere tradizionali, colorateli e ritagliateli in tante strisce, infine, potete chiedere ai vostri bambini di ricomporli mischiandoli.
Sofia (6 anni) foto by archigeaLab.blogspot
Leggendo un libro sui gatti Sofia era rimasta molto impressionata dalla loro capacità di cadere in piedi così ha voluto disegnarla. Ho trovato il suo disegno e, dopo averlo tagliato a strisce, le ho chiesto di ricomporre la sequenza.

Sofia (6 anni) foto by archigeaLab.blogspot

Giochiamo con l'arte? Ho scaricato da internet un celebre dipinto di Picasso, questa è la versione di mia figlia.
Sofia (6 anni) foto by archigeaLab.blogspot
Questi sono solo alcuni esempi ma sono infinite le possibilità da inventare insieme.
Buon divertimento!

sabato 9 giugno 2012

Il territorio e la memoria

Le immagini del sisma 2012 sono ancora davanti ai nostri occhi ma l'incredulità permane. Ho fatto una piccola ricerca per curiosità personale e la verità è che abbiamo perso la memoria del nostro territorio. Io sono nata a Bologna ma la mia famiglia no, non ho nonni o bisnonni a cui chiedere. Nel 1929 c'è stato un terremoto proprio nella mia città, non ha fatto vittime ma non ha risparmiato gli edifici e terrorizzato la popolazione per mesi  ( http://it.wikipedia.org/wiki/Terremoto_di_Bologna). Se si può imparare qualcosa da questi tragici eventi è proprio il valore della memoria nella cura del territorio. Abbiamo costruito senza ricordare. Abbiamo studiato la nostra terra senza capire. Ricordare è necessario. Insegniamolo ai nostri figli.

martedì 5 giugno 2012

Il gioco della memoria

Il progetto grafico della settimana è dedicato al mondo della scuola! La memoria è per me da sempre un mistero. Ancora ricordo la difficoltà con cui alla scuola elementare dovetti memorizzare "La pioggia nel pineto" di Gabriele d'Annunzio. L'esperienza mi ha insegnato quanto sia importante per me riuscire a collegare le immagini alle parole. Alla prima filastrocca di  mia figlia le ho fatto costruire un percorso disegnato per aiutarla a ricordare in sequenza...ha funzionato!
Sofia (6 anni) foto by archigeaLab.blogspot

sabato 2 giugno 2012

Progetto archigeaLab

Ciao!
Mi chiamo Giulia Cammarota,vivo a Bologna con la mia famiglia e mi sono laureata in Architettura al Politecnico di Milano.
Come nasce il progetto archigeaLab? Sono architetto ma soprattutto mamma e con l'arrivo di mia figlia il mio orizzonte è completamente cambiato, ora mi occupo di piccoli progetti perchè sono convinta che sia questa la dimensione ideale per non dimenticare che, come scriveva Italo Calvino, ogni città ha un luogo felice e sono felici i luoghi dove i cittadini vanno volentieri. Ho scelto la data del 2 Giugno perchè perchè penso che essere cittadini consapevoli  sia la chiave per un futuro migliore.
Io vorrei che il mio blog diventasse la mia casa-studio virtuale dove lavorare ma soprattutto occasione di incontro e confronto.
Benvenuti!